Sentimenti IV: il portiere con problemi alla vista

Sentimenti IV, il portiere con problemi alla vistaCe lo vedete un portiere con problemi di vista? La storia di Sentimenti IV, il più forte portiere della sua epoca.

Lucidio Sentimenti IV è stato uno dei migliori portieri italiani nel periodo a cavallo della guerra. Rivelatosi nel Modena, viene acquistato dalla Juventus nell’estate del 1942, quando l’Italia è ormai precipitata in una guerra dalla quale uscirà a pezzi.

Perde anche lui due anni, in attesa che il conflitto finisca, ma quando riprende conferma in pieno quanto ha già fatto vedere in precedenza. Non molto alto, ma estremamente reattivo, si dimostra un portiere completo, capace di tirare giù la saracinesca nelle giornate di grazia. Nell’estate del 1949, però, la dirigenza bianconera crede di vedere qualche segno di cedimento e decide di sbolognarlo alla Lazio.

Per Lucidio inizia una seconda vita, nella quale dimostra ben presto alla società torinese il clamoroso errore di valutazione compiuto. Diventa infatti una vera colonna della Lazio dalla difesa di ferro e riesce addirittura a riconquistare  la maglia azzurra. Il suo problema, però, è sempre lo stesso: lo vedono vecchio, anche se non si sa perché.

Il problema riemerge non appena inizia a prendere qualche rete da lontano, un po’ quello che succede a Zoff ai Mondiali del 1978. I tifosi della Lazio, a quel punto iniziano ad interrogarsi sul perché di queste improvvise defaillances e tirano rapidamente le conclusioni: il portiere, secondo loro, sarebbe afflitto da miopia e di conseguenza non riuscirebbe a valutare bene i tiri da lontano.

Le voci iniziano a diventare sempre più forti e ben presto il buon Lucidio si trova di fronte a evidenti difficoltà, in quanto deve assolutamente evitare che le stesse diventino una vera e propria valanga in grado di porre una pietra tombale sulla sua carriera. Decide quindi di consultare uno dei più rinomati oculisti della capitale, pensando di risolvere con questo atto la vicenda, che però a questo assume toni grotteschi. La diagnosi dello specialista, infatti, è ben precisa, ma va nel senso opposto a quanto si è detto sinora: Sentimenti IV, infatti, soffre di disturbi agli occhi, ma è presbite, ovvero non vede bene da vicino.

La diagnosi è ancora più sorprendente in quanto proprio nei tiri scoccati da distanza ravvicinata il portiere di Bomporto riesce ancora a dare il meglio di sé e a strappare commenti ammirati a tifosi e critica spcializzata. E’ del tutto evidente che a consentirgli di porre argine ai suoi problemi è l’istinto, lo stesso che del resto gli ha consentito di diventare uno dei migliori portieri in assoluto del calcio italiano.

Ben presto tornerà al suo consueto rendimento, ma si troverà di nuovo di fronte a quelle maledette voci che lo vorrebbero ormai vecchio. Stavolta neanche le sue straordinarie parate riusciranno a salvarlo dalla cessione al Torino, ove va a iniziare un declino stavolta realmente dovuto ad una età alla quale in molti, nel suo ruolo, ormai da tempo hanno già appeso i guantoni al classico chiodo.

Condividi questa storia
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>